Regione Siciliana
Assessorato dei Beni Culturali e della Identità Siciliana
Dipartimento dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana
Centro Regionale per la Progettazione
e per il Restauro e per le Scienze Naturali
ed Applicate ai Beni Culturali
 
     
Piano di riqualificazione ...
  05 novembre 2013

PIANO DI RIQUALIFICAZIONE TERRITORIALE DELLA SICILIA

Questa aggiornata edizione del "Piano di Riqualificazione Territoriale della Sicilia", a sette ani dalla sua prima edizione costituisce ancora un testo di riferimento che detta le specifiche norme organiche per il recupero ambientale e paesaggistico della nostra isola, per arrivare ad una qualità progettuale estetico-percettiva nella riqualificazione dei contesti degradati o da riconfigurare in Sicilia. E' un intervento “normativo” che offre l'opportunità di una partecipazione condivisa, al progetto di riqualificazione delle aree interessate, per le particolari esigenze dei territori, per farne zone di qualità ambientale, per incoraggiare e sviluppare azioni per la riqualificazione urbanistico-edilizia delle periferie delle nostre città, grandi e piccole, contemporaneamente al recupero dei loro centri antichi. Operazione che assume grande valore estetico-ambientale che incide anche sulla qualità della vita della gente, contrastando efficacemente l'habitat del disagio.
Restaurare i luoghi è ridonare bellezza, un'operazione vantaggiosa che comporta l'uso sapiente dei materiali come "narratori" della memoria dei luoghi ed ispiratori della loro qualità e vivibilità futura, attraverso i segni dell'agire umano creando congiuntamente opportunità concreta di lavoro, per imprese, progettisti, e maestranze da impiegare nel recupero della sapienza antica applicata alla manifattura dei materiali tradizionali. In modo ancora più particolare il piano indica le modalità operative di intervento sul territorio, con proprie regole di conservazione e d'uso che, qualora ignorate o violate portano al dissesto ed al degrado poiché i luoghi sono sempre dotati di una propria individualità, che costituisce la facies culturale. Il processo di selezione e valorizzazione del patrimonio deve mantenere i caratteri, per la riconoscibilità delle matrici culturali, della sapienza costruttiva, costituendo il criterio fondamentale per ogni progetto di intervento che riguarda quel luogo, i suoi abitanti, i suoi ospiti e fruitori.
Ad oggi non è stata tentata alcuna applicazione diretta sulle realtà territoriali isolane, unica esperienza di applicazione del "Piano di Riqualificazione Territoriale della Sicilia" su un paesaggio urbano, che seppure non isolano appartiene alla nostra area mediterranea, è quella che questa rinnovata edizione propone arricchendosi di un interessante contributo applicato al costruito storico del Cairo.
Il lavoro svolto da parte dei tecnici del Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro costituisce attuazione tecnico scientifica del Protocollo di intesa stipulato dal Governatorato del Cairo con la Regione Siciliana sui temi della conservazione del patrimonio culturale presente nel Centro Storico del Cairo.
L’attività di studio condotta nel quadro del Protocollo, imperniata sui temi della metodologia di indagine speditiva sulla realtà urbana del Cairo, applicando metodi ed indirizzi operativi del Piano di Riqualificazione del Territorio, ha definito i criteri e gli strumenti per la riqualificazione dell’abitato storico del Cairo, applicati ad un ipotesi di riordino urbano di Piazza Ataba; ha individuato i criteri e gli strumenti per il restauro del Palazzo del Governatore; ha ipotizzato modelli di recupero e rivitalizzazione del Mercato della carne di Midan et Ataba.
Il metodo tracciato potrà essere da incentivo e guida per auspicabili ulteriori esperienze di applicazione nelle realtà territoriali siciliane.

disponibile per scambi


 

Ricerca nel sito


  C.R.P.R. - Palazzo Montalbo - Via dell'Arsenale, 52 - 90142 Palermo
Centralino 091 6398611 - Fax 091 6376088
Email: urpcrpr@regione.sicilia.it
Trasparenza>
URP >
Privacy >
© Copyright 2019 - C.R.P.R. - All right reserved.
Condividi su